EmergenzaCasa 7 - Misura 1

Prevenzione degli sfratti

Progetto

La misura 1 di EmergenzaCasa 7 prevede un contributo una tantum, finalizzato ad assicurare un sostegno per il pagamento del canone di affitto a favore dei nuclei familiari in difficoltà economica e prevenire così gli sfratti. In ogni Comune è istituita una Commissione locale per l'emergenza abitativa, che raccoglie e valuta le domande pervenute erogando contributi fino a 1700 euro.

Le Commissioni locali per l'emergenza abitativa dei Comuni che non rientrano nella categoria ATA (Alta Tensione Abitativa) o che non abbiano aderito alla misura regionale "Fondo per la morosità incolpevole" possono erogare un contributo ulteriore (fino a 4000 euro) a favore di nuclei familiari in situazione di sfratto per morosità con avvenuta notifica della citazione di convalida, al fine di differire l'esecuzione del procedimento.

Per entrambi i contributi è prevista la sottoscrizione di un "Patto di solidarietà" tra il proprietario dell’abitazione, l'inquilino e la Commissione locale per l'emergenza abitativa del Comune di riferimento. Con il patto, il proprietario si impegna a non sfrattare l'inquilino per un periodo di almeno 6 mesi e ad assicurare condizioni di affitto migliori.

Per presentare richiesta di contributo per la misura 1, è necessario rivolgersi agli sportelli istituiti presso i Comuni aderenti al progetto a partire dal mese di aprile 2018.

Budget

La misura 1 gode di un budget complessivo di 550 mila euro.

Partner

Comuni:
Alba, Borgo San Dalmazzo, Boves, Bra, Busca, Caraglio, Cervasca, Ceva, Cuneo, Dronero, Fossano, Mondovì, Saluzzo, Savigliano, Racconigi, Sommariva del Bosco, Verzuolo e Villanova Mondovì;

Enti gestori dei Servizi socio assistenziali e Caritas/associazioni delle zone di riferimento.

Destinatari

La misura 1 si rivolge ai nuclei familiari (di diritto e di fatto, compresi quelli monoparentali) con una o più persone a carico e abitazione in locazione privata, in situazione temporanea di difficoltà economica.

 

Stampa