Mercoledì con Cripta747 e Daniele Galliano

Mercoledì 10 febbraio alle ore 18 quinto e ultimo appuntamento del ciclo di conversazioni intorno all’arte contemporanea organizzato da Fondazione CRC in collaborazione con Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e Feliz comunicazione. L’incontro sarà una tavola rotonda sul tema “Il Gallerista del futuro”, per approfondire il modo contemporaneo di fare arte e i circuiti di mercato alternativi, dall’autopromozione degli artisti, agli scambi internazionali, alle residenze artistiche, all’impegno e il dialogo diretto con la società. Partecipano i fondatori di Cripta747, associazione artistica non profit nata a Torino nel 2008 e della quale fa parte anche l’artista Renato Leotta, e il pittore Daniele Galliano. Il webinar sarà moderato dallo storico dell’arte Enrico Perotto.

Dopo gli incontri degli scorsi anni con il gallerista Stefano Testa della Galleria il Ponte in occasione della mostra “Noi continuiamo l’Evoluzione dell’arte” e con Lisa e Tucci Russo nel 2020 in occasione della mostra “Incidenze del vuoto”, dedicata a Giuseppe Penone, prosegue la ricognizione del sistema dell’arte contemporanea attraverso il dialogo con Cripta747 e Daniele Galliano in occasione della mostra “E la luce fu”.

Se nelle prime due occasioni si erano presentate ed evidenziate le visioni di due galleristi storici torinesi, con questo incontro è il momento di fare un passo in avanti nel monitoraggio dell’antropologia del sistema delle gallerie contemporanee, e di addentrarsi nella scena torinese degli anni ‘90 e 2000 incontrando i curatori di Cripta747 e il pittore Daniele Galliano. Durante il webinar si indagherà nello specifico il fenomeno della residenza d’artista, “spazio sospeso”, necessario alla produzione dell’opera (spesso momento condiviso e socializzante) e antecedente al momento espositivo. Le residenze d’artista sono infatti un fenomeno non facilmente definibile, che si contrappone alla mera produzione e presentazione delle opere e che con non va confuso con la pratica del “site specific”, creazione di opere studiate per uno specifico luogo. 

LA RASSEGNA:
Un programma di conversazioni webinar incentrato sulle nuove mostre “E luce fu. Giacomo Balla, Lucio Fontana, Olafur Eliasson, Renato Leotta” e “William Kentridge. Respirare” allestite rispettivamente a Cuneo e Alba. Si tratta di cinque incontri con relatori d’eccezione, tra cui gli artisti Olafur Eliasson e Renato Leotta, che si terranno per cinque mercoledì consecutivi dal 13 gennaio 2021. Durante i webinar verranno affrontate tematiche che spaziano dal ruolo degli artisti e di chi promuove arte e cultura nella società contemporanea ad approfondimenti sulla tematica della luce nell’arte e nella filosofia. Gli appuntamenti sono organizzati in collaborazione con Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e Feliz comunicazione

MATERIALE:

NOTE BIOGRAFICHE DEI RELATORI:

Cripta747 è un’organizzazione no profit di arte visiva fondata a Torino nel 2008: è un luogo di ricerca, scambio e produzione dove le pratiche artistiche affrontano il dibattito contemporaneo. Attraverso un programma di mostre, proiezioni ed eventi, CRIPTA747 indaga nuove forme e linguaggi con l’obiettivo di restituire al pubblico una visione autentica e fresca. Dal 2017 ha avviato due nuovi programmi dedicati alla mobilità internazionale: Residency, a supporto della ricerca con borse di studio, e Studio, progetto di spazio di lavoro condiviso con focus sulla produzione.

Lo staff 2020 è composto da Elisa Troiano, Alexandro Tripodi, Renato Leotta, Marianna Orlotti e Jacopo Lega. 

Daniele Galliano è un pittore di fama internazionale: ha esordito nel 1992, da autodidatta, con una personale  all’Unione Culturale Franco Antonicelli di Torino. Vive in prima persona il rinascimento culturale (nel cinema, nella musica e nella letteratura) della Torino degli anni ‘90 connotandosi per un realismo fotografico che sarà il punto di partenza per una personalissima ricerca che lo ha portato a esplorare temi sociali e politici attraverso una pittura “iporealistica”, con una visione che oscilla tra la miopia e il sogno. Lo si può definire un “Libero battitore” del mondo dell’arte, dotato di un punto di vista originale e indipendente. 

Enrico Perotto è art curator e storico dell’arte; docente presso il liceo artistico Ego Bianchi di Cuneo, è autore di numerosi scritti critici sull’arte contemporanea in provincia di Cuneo. Tra essi si cita l’ultimo, l’importante volume “Il monumento alla Resistenza di Cuneo 1969-2019” scritto in occasione dei 50 anni della scultura di Umberto Mastroianni.

Caratteristiche dell'evento

Inizio evento Mercoledì 10 Febbraio 18:00
Termine evento Mercoledì 10 Febbraio 19:00
Posti Illimitato
Vuoi essere sempre aggiornato sulle iniziative della Fondazione CRC?
Iscriviti alla newsletter


Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione
* Letta la Privacy Policy 
Manifesta il proprio consenso al trattamento dei dati personali per l’invio di newsletter e comunicazioni aventi ad oggetto messaggi informativi concernenti iniziative o progetti propri della Fondazione CRC attraverso l’inserimento su piattaforma apposita?

Biblioteca

Risorse
Quaderni

Spazio Incontri

Presentazione
Form