Il Documento Programmatico Previsionale interpreta annualmente e recepisce le indicazioni delle Linee di indirizzo e dal Piano Programmatico Pluriennale, in previsione dell’anno a venire.
In tale documento sono meglio esplicitate le azioni e gli obiettivi che la Fondazione concretamente si pone.


DPP 2015

Nella riunione di lunedì 27 ottobre il Consiglio Generale della Fondazione CRC ha approvato all’unanimità il Documento Programmatico Previsionale 2015, predisposto dal Consiglio di Amministrazione per definire le iniziative progettuali ed erogative per l’anno prossimo, in conformità con gli indirizzi delineati nel Piano Programmatico Pluriennale (PPP) 2013-2015, approvato a luglio 2012.

La Fondazione, sulla base dei dati disponibili, stima di poter destinare 20 milioni di euro all’attività progettuale ed erogativa per l’anno 2015, in linea con gli ultimi anni e in crescita rispetto a quanto previsto dal PPP 2013-2015 (18 milioni). Questo nonostante la complessa situazione che si è venuta a creare negli ultimi giorni, in quanto la Legge finanziaria attualmente in approvazione alla Camera colpisce le rendite degli enti non commerciali, tra cui le Fondazioni di origine bancaria. L’innalzamento della tassazione dei dividendi di 20 punti percentuali ha reso necessario una revisione delle previsioni: tale misura sarebbe applicata in maniera retroattiva dal 1° gennaio 2014 e porterebbe ad un significativo aggravio di tassazione sul Bilancio 2014, stimabile in 7 milioni di euro. Per quanto necessario, la Fondazione potrà attingere al Fondo di stabilizzazione delle erogazioni, costituito negli ultimi anni e attualmente pari a 42 milioni di euro (più di 2 annualità erogative).

Il Documento sarà presentato al territorio, tra novembre e dicembre 2014, con due incontri per ognuna delle tre zone di tradizionale intervento della Fondazione, uno dedicato all’associazionismo e l’altro agli enti designanti.

icon DPP 2015 (964.18 kB) 
Leggi il comunicato stampa

 

DPP 2014

Nella riunione di lunedì 28 ottobre il Consiglio Generale della Fondazione CRC ha approvato all’unanimità il Documento Programmatico Previsionale 2014, predisposto dal Consiglio di Amministrazione per definire le iniziative progettuali ed erogative per l’anno prossimo, in conformità con gli indirizzi delineati nel Piano Programmatico Pluriennale (PPP) 2013-2015, approvato a luglio 2012.
La Fondazione, sulla base dei dati attualmente disponibili, stima di poter destinare all’attività progettuale ed erogativa, nell’anno 2014, un ammontare pari a 18 milioni di euro, come previsto dal PPP 2013-2015. Qualora tali risorse non fossero totalmente disponibili dall’avanzo di esercizio, si prevede di attingere al Fondo di stabilizzazione delle erogazioni, che attualmente ammonta a 35,6 milioni di euro, nella misura necessaria per raggiungere i 18 milioni di euro: questo per garantire al territorio, in un momento di oggettiva contrazione delle risorse pubbliche e private, un livello erogativo in linea con le annualità precedenti.

Al fine di illustrare le linee di azione contenute nel Documento Programmatico Previsionale per il 2014, tra novembre e dicembre 2013 il Presidente assieme ad alcuni esponenti del Consiglio di Amministrazione, del Consiglio Generale e della struttura della Fondazione, ha incontrato sul territorio i comuni della Provincia di Cuneo, le associazioni di categoria e le associazioni di volontariato di Cuneo, di Mondovì e di Alba.

icon DPP 2014 (978.11 kB)
icon Presentazione DPP 2014 (1.19 MB)

 

DPP 2013

Nella riunione del 29 ottobre il Consiglio Generale della Fondazione CRC ha approvato all’unanimità il Documento Programmatico Previsionale 2013, predisposto dal Consiglio d’Amministrazione per definire le iniziative progettuali ed erogative per l’anno a venire, in conformità con gli indirizzi delineati nel Piano Programmatico Pluriennale 2013-2015 (PPP), adottato nel luglio scorso.

La Fondazione prevede di poter destinare all’attività progettuale ed erogativa per il 2013 una somma complessiva di 18 milioni di euro.
Per quanto riguarda i settori d’intervento, viene confermato l’impegno della Fondazione nell’ambito della “società della conoscenza” (educazione, arte, cultura e ricerca), con un contestuale aumento di risorse dedicate al settore Promozione e solidarietà sociale, destinate a proseguire gli interventi di contrasto alle conseguenze della crisi economica e sociale in corso. Questa scelta risponde alla priorità riservata a giovani e persone in difficoltà, delineata nel PPP. In questo contesto, anche nel 2013 proseguiranno le iniziative del Piano Crisi, per cui è stato previsto un apposito capitolo di spesa nel bilancio.

Il Documento Programmatico opera una selezione tra gli ambiti ammissibili per le richieste di contributo, al fine di perseguire una maggiore concentrazione e significatività degli interventi; in questo senso, accogliendo le indicazioni del Consiglio Generale, il documento indica il limite minimo di 3.000 euro per i contributi richiedibili ed assegnabili dalla Fondazione nell’ambito della Sessione erogativa generale.
Per la prima volta, inoltre, si è scelto di circoscrivere le Sessioni per eventi a tre soli settori: Sviluppo locale, Arte e cultura e Attività sportiva.

icon DPP 2013 (1.82 MB)

 

DPP 2012

Il Documento Programmatico Previsionale 2012 è stato approvato dal Consiglio Generale il 31 ottobre 2011.
Nel contesto della crisi economica in corso, che si preannuncia ancora di lunga durata, la scelta della Fondazione è quella di una politica erogativa prudente che, sulla base delle stime del budget 2011 e senza attingere al Fondo di Stabilizzazione delle Erogazioni in vista delle incertezze sulla futura redditività, garantisca continuità nel sostegno al territorio. Le risorse a disposizione saranno pari a 18,18 milioni di euro, da destinare alle quattro aree di intervento “Investire nella società della conoscenza”, “Promuovere il benessere dei cittadini”, “Stimolare lo sviluppo socio economico sostenibile” e “Rafforzare la solidarietà e la coesione sociale”, con una scelta strategica che assegna priorità agli interventi immateriali rispetto a quelli infrastrutturali.
Al fine di illustrare le linee di azione contenute nel Documento Programmatico Previsionale per il 2012, tra novembre 2011 e gennaio 2012 il Presidente assieme ad alcuni esponenti del Consiglio di Amministrazione, del Consiglio Generale e della struttura della Fondazione, ha incontrato sul territorio i comuni della Provincia di Cuneo, le associazioni di categoria e le associazioni di volontariato di Cuneo (12 gennaio), di Mondovì (16 gennaio) e di Alba (20 gennaio).
Questi gli spunti di riflessione emersi durante tali incontri: icon scarica la Relazione degli incontri con le associazioni (64.05 kB)

 Archivio:
icon DPP 2012 (1.39 MB)
icon DPP 2011
icon DPP 2010 (498.27 kB)
icon DPP 2009 (251.74 kB)
icon DPP 2008 (463.93 kB)
icon DPP 2007 (322.3 kB)
icon DPP 2006 (405.35 kB)
icon DPP 2005 (2.26 MB)
icon DPP 2004 (185.85 kB)
icon DPP 2003 (2.49 MB)
icon DPP 2002 (198 kB)
icon DPP 2001 (186.63 kB)