Below 10

2017 logo progetto below10
 
Progetto
Aperto

In linea con le attività svolte dalla Fondazione negli anni, incentrate su innovazione dei metodi didattici, ricerca sulla dispersione scolastica e  sostegno all’orientamento e la creazione di una “comunità educante”, il progetto Below10, finanziato dall’Unione Europea sul programma Erasmus+, intende contribuire alla lotta alla dispersione scolastica. Capofila dell’iniziativa è ProgettoMondo Mlal di Verona, partner sul territorio l’ AFP di Cuneo, insieme a tutti i soggetti locali coinvolti e interessati al tema.
 

Obiettivo

Below 10 persegue:

  • la sperimentazione e la messa a punto di strategie di collaborazione e di integrazione tra il mondo della scuola, le istituzioni pubbliche, le organizzazioni della società civile impegnate nel lavoro con le giovani generazioni e il mondo delle imprese;
  • l’alleanza tra agenzie dell'educazione formale, non formale e informale, per creare sul territorio "comunità di apprendimento" in grado di intercettare e motivare all'apprendimento tutti gli adolescenti, dentro e fuori l'orario scolastico, dentro e fuori gli edifici scolastici, compresi i giovani a maggior rischio di abbandono o di insuccesso scolastico, gli immigrati e gli appartenenti a minoranze etniche;
  • il sostegno e il rinnovamento delle pratiche di insegnamento, privilegiando le metodologie didattiche maggiormente interattive, fondate sul coinvolgimento attivo e la motivazione degli studenti, quali ad esempio il cooperative e il peer learning o la "classe capovolta".

Il progetto mira a produrre, nei suoi tre anni di implementazione (1° settembre 2016 – 31 agosto 2019) due “intellectual outputs” da mettere a disposizione di tutte le agenzie educative europee.

Output 1: Storie di giovani drop - out. Un'indagine sociale sulle cause del successo e dell'insuccesso scolastico. 

Scarica la ricerca
Scarica la scheda di sintesi della ricerca

Output 2: Imparare facendo: le comunità locali lavorano e imparano insieme per prevenire e ridurre l'abbandono scolastico precoce e il drop- out. 

Il progetto è descritto più nel dettaglio nella sintesi qui a disposizione: scarica la scheda!

Tra il 2017 e il I semestre 2018 si è realizzata la prima fase del progetto, caratterizzata dalla costituzione di una rete di stakeholder locali (enti locali, istituti scolastici, servizi socio assistenziali, cooperative, associazioni, ecc.) e dalla realizzazione di un’ampia indagine di tipo qualitativo su tutti i territori del partenariato, rivolta a studenti e ragazzi che hanno abbandonato gli studi, attori del mondo scolastico e altri soggetti non appartenenti al mondo della scuola, tramite interviste e focus group. La ricerca è stata inoltre presentata dalla prof.ssa Sonia Pozzi (Università di Bergamo) in occasione della XI Conferenza EspaNet Italia 2018, tenutasi a Firenze il 13-15 settembre (www.espanet-italia.net/conferenza-2018/), nell’ambito della sessione “Le politiche educative nella lotta all’esclusione sociale: metodi e modelli per l’analisi”.

Per il 2018 e 2019, le attività progettuali prevedono il coordinamento e lo sviluppo della seconda fase tramite:
- l’attivazione di esperienze pilota sul territorio, scaturite dal laboratorio formativo per operatori condotto nel primo semestre 2018 e con il coinvolgimento attivo dei giovani e delle famiglie, accanto agli altri attori di riferimento;
- la concertazione di Piani Integrati Locali di prevenzione e contrasto dell’abbandono scolastico

Partner

Il progetto è realizzato in collaborazione con nove partner di sei paesi dell’Unione (Italia, Francia, Portogallo, Croazia, Regno Unito, Romania) e precisamente:

  • Due istituzioni scolastiche e formative: l’AFP di Cuneo, anche in qualità di ente coordinatore di una rete di istituzioni scolastiche della stessa provincia, e la scuola secondaria ad indirizzo agricolo di Dalj (Croazia);
  • Due università (Lisbona e Northampton, UK);
  • Quattro organizzazioni della società civile (ProgettoMondo Mlal, ONG italiana che nel progetto svolge il ruolo di capofila; l’associazione giovanile Breza di Osijek, Croazia; Save the Children Romania; e Assfam, associazione di famiglie immigrate in Francia, con sede a Parigi).
Segui l’iniziativa sulla pagina Facebook Below10 Italia
Vai al sito internazionale del progetto www.below10.eu

Stampa

Vuoi essere sempre aggiornato sulle iniziative della Fondazione CRC?
Iscriviti alla newsletter


Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione
* Letta la Privacy Policy 
Manifesta il proprio consenso al trattamento dei dati personali per l’invio di newsletter e comunicazioni aventi ad oggetto messaggi informativi concernenti iniziative o progetti propri della Fondazione CRC attraverso l’inserimento su piattaforma apposita?

Biblioteca

Risorse
Quaderni

Spazio Incontri

Presentazione
Form