Logo fiducia no FCRC web

Il Progetto Fiducia è un'iniziativa di micro credito sociale nata a fine 2008 e rivolta alle persone non in grado di accedere a prestiti bancari, che mette a disposizione prestiti di piccola entità, fino ad un massimo di 3 mila euro.
Il progetto è promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo in collaborazione con la Banca Regionale Europea, la Fondazione San Martino e le Caritas delle cinque Diocesi provinciali, attraverso i Centri di ascolto.

A dicembre 2013 è stata rinnovata per un ulteriore triennio la Convenzione del Progetto Fiducia, che prevede la prosecuzione dell'iniziativa per il prossimo triennio.
Con la firma della nuova Convenzione, la Fondazione CRC accresce ulteriormente il Fondo di garanzia messo a disposizione dall’inizio del progetto, per un ammontare di circa 300 mila euro, e la Banca Regionale Europea conferma l’applicazione del moltiplicatore 2, che permette di erogare prestiti fino al doppio delle risorse a garanzia disponibili.
La Fondazione San Martino, attraverso i volontari dei Centri di ascolto delle cinque Diocesi della provincia di Cuneo, continua a garantire l’operatività del progetto, dall’accoglimento delle richieste al supporto e all’affiancamento dei beneficiari dei prestiti.

Importanti i risultati ottenuti nei primi 5 anni di vita del progetto:

  • 1128 domande di prestito presentate ai Centri di ascolto delle Caritas
  • 376 domande accettate
  • 680 mila euro di prestiti erogati
  • tasso di insolvenza molto contenuto


Nel corso del 2013, a fronte di un aumento delle richieste, è stata riscontrata una diminuzione delle domande accettate, a causa di una mancanza dei requisiti minimi richiesti e di una situazione di già eccessivo indebitamento che grava su chi presenta richiesta ai Centri di ascolto.

Scarica il comunicato stampa relativo alla firma della nuova Convenzione.


Per maggiori informazioni:
Centri di ascolto della Diocesi di appartenenza

Chiunque fosse intenzionato ad aderire al progetto come volontario, per potenziare l'acompagnamento delle persone beneficiare dei prestiti, può rivolgersi ai Centri di Ascolto: le indicazioni di base sono disponibili all'interno della brochure scaricabile qui