fronte quartino de pisis web

 


28 ottobre - 9 dicembre 2012

Spazio incontri Cassa di Risparmio 1855
Via Roma 15 - Cuneo
Ingresso libero

Orari
dal martedì al venerdì  dalle ore 16 alle 20
sabato, domenica e festivi, dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 20

Infoline
Fondazione CRC 0171.452734

Per le scuole:
visite guidate gratuite su prenotazione, durante le mattinate
per informazioni, 0171.452734

Organizzazione:
Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo,
con la collaborazione dell’Associazione per Filippo de Pisis e dell’Associazione Culturando Insieme

Ufficio stampa
Bbox srl 0171.696240, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Filippo de Pisis
(1896-1956), nome d'arte di Luigi Filippo Tibertelli, è uno dei protagonisti indiscussi del panorama artistico del Novecento italiano sia in Italia sia all’estero. Sin dai primi anni della sua produzione si impone sulla scena contemporanea dimostrando una grande maestria nel dipingere e uno stile molto personale. Nell’arco di tutta la produzione dell’artista protagonisti indiscussi sono i celebri quadri di fiori, paesaggi e nature morte.

La mostra prende il via da un importante lavoro di ricerca e documentazione, svolto negli ultimi cinque anni e che ha portato alla ricostruzione di un'importante passione giovanile di De Pisis: quella per le erbe e i fiori.
Prima di renderla soggetto di molte sue nature morte, De Pisis si era infatti avvicinato alla flora creando un ricchissimo erbario, poi donato all'Orto Botanico di Padova e del quale si erano perse le tracce a causa di successive riorganizzazioni della collezione botanica. Il paziente lavoro delle ricercatrici Paola Roncarati e Rossella Marcucci ha permesso di ricostruire quasi per intero la l'erbario, che consta di oltre mille fogli, e di dare alle stampe un saggio (Filippo de Pisis botanico flâneur - un giovane tra erbe, ville, poesia, Ed. Leo S. Olschki, Firenze 2012) che indaga questo aspetto della produzione di De Pisis.

È proprio dai fogli di questo erbario ritrovato che nasce l’idea della mostra, a giugno 2012, esposta a Milano presso la Fondazione Corrente. La Fondazione CRC ha colto l’occasione di promuovere questa iniziativa anche sul territorio cuneese, ampliando il nucleo originario delle opere. L’esposizione è dunque l’esito del lavoro congiunto dell’Associazione per Filippo de Pisis di Milano e l’associazione Culturando Insieme con sede a Savigliano.
Le opere esposte (17 oli, 9 acquerelli, 8 fogli di erbario) metteranno a confronto i “fiori collezionati” con i “fiori dipinti”, rivelando la stretta relazione esistente tra la passione botanica del pittore e la sua abilità nel rappresentare i fiori.

Scarica il manifesto